Data Venerdì, 7 Maggio 2021
Ore 02:04

Nuova Zelanda, birra agli studenti in cambio di un topo morto

Scritto da Silvia Arnone

Una soluzione alternativa per fronteggiare il problema dei topi morti in Nuova Zelanda: una birra offerta a ogni studente che porta un topo morto.

A mali estremi, estremi rimedi. In Nuova Zelanda la piaga dei topi sta diventando sempre più dilaniante, al punto che gli abitanti sono alla ricerca di soluzioni efficaci per schiacciare dal territorio una specie di ratti non autoctona ed invasiva, facile veicolo di malattie.

Pesticidi? Trappole? Ebbene no, stavolta l'idea è piuttosto insolita ed arriva dalla mente creativa di un filantropo, Gareth Morgan: una birra offerta a coloro che porteranno un topo morto.

Un'iniziativa che Morgan rivolge sopratutto agli studenti universitari, confidando nel fatto che saranno pronti a cogliere la sfida. “Agli studenti piace la birra e ai topi piacciono gli appartamenti degli studenti”, spiega con un tono semiserio.

Se l'esperimento avrà successo, potrebbe essere una valida soluzione contro i topi che non arrechi danno all'ambiente e ai suoi abitanti, salvandoli da un enorme rischio per l'equilibrio dell'ecosistema locale. E l'ideatore infine aggiunge:  “Stiamo cercando di fare un’offerta che gli studenti non possono rifiutare, e di fare di loro il nostro esercito”.

 

Nata il 28 Dicembre del 1990, laureata in Scienze della comunicazione, sono alla costante ricerca di pareti scrittorie. I miei interessi? Sono come l'acqua che, non avendo forma, non c'è forma che non possa avere.

RSS

Legge Elettorale: il cammino dell'Italicum inizia in salita

Giovedì, 23 Gennaio 2014
La legge elettorale ...

WhatsApp Call, in arrivo la funzione chiamata per Iphone

Mercoledì, 19 Marzo 2014
Nuovi aggiornamenti ...

Braccialetti Rossi seconda serie: ecco le prime anticipazioni

Giovedì, 27 Febbraio 2014
Dopo il successo del...

Il sesso dà alla testa?

Venerdì, 24 Gennaio 2014
In teoria no, e sopr...

Olimpiadi Sochi 2014: decisa l'uccisione dei cani randagi in Russia

Lunedì, 3 Febbraio 2014
Continua ad essere u...