Data Venerdì, 23 Agosto 2019
Ore 18:46

Legge Elettorale: il cammino dell'Italicum inizia in salita

Scritto

La legge elettorale inizia il suo cammino in commissione ma non mancano le novità. Vietate le candidature multiple, si alle liste "corte". Polemiche per la norma salva Lega, La Russa: "Berlusconi vuole salvare la Lega"; Salvini: "Non vogliamo aiutini".

Dopo il discusso incontro tra Renzi e Berlusconi, seguito dal criticatissimo accordo sulla Legge Elettorale, sull'abolizione del bicameralismo perfetto e sulla riforma del Titolo V della Costituzione, il cammino dell'Italicum rischia seriamente di diventare quanto mai impervio. 

Se, infatti, appariva già chiarissimo all'indomani dell'accordo tra FI e Pd, che la strada sarebbe stata piena di buche, nessuno immaginava che le prime polemiche e i primi intoppi sarebbero venuti fuori già con la presentazione del testo in Commissione Affari Costituzionali. Innanzitutto lo slittamento rispetto ai tempi originariamente previsti, poi la richiesta dei parlamentari di Sel di procrastinare l'inizio della discussione al 29 gennaio per consentire ai propri parlamentari di affrontare nel migliore dei modi la discussione in aula (i vendoliani stanno per andare a congresso e chiedono tempi più lunghi per l'analisi del testo). 

Fibrillazioni ed un pizzico di sconcerto anche per la c.d. norma Salva Lega, ovvero un emendamento in grado di consentire ai leghisti di superare lo sbarramente al 5%. In sostanza si cerca un meccanismo (qualsiasi esso sia) in grado di consentire alle forze a forte caratterizzazione territoriale, di non venir risucchiate da un sistema a ripartizione proporzionale su base nazionale. In soldoni, così com'è ideata la riforma elettorale, rischia di penalizzare il Carroccio che con la soglia del 5% su base nazionale rischia di restare fuori dai giochi. Intanto Salvini smentisce categoricamente qualsiasi tentativo di Berlusconi di "aiutare" i leghisti. 

Ma le fibrillazioni, vere, sono comunque legate ad un altro aspetto, per gran parte del Parlamento (e degli italiani) dirimente: le preferenze. Il sistema elaborato dalla coppia Renzi-Berlusconi prevede liste bloccate, corte, ma comunque bloccate. Per una parte consistente del Pd, per il Nuovo Centrodestra di Alfano e per Scelta Civica, le preferenze sono imprenscindibili ma se l'ex delfino di Berlusconi firma comunque la proposta di legge depositata in commissione, Scelta Civica preferisce attendere per sottoporre all'attenzione del Parlamento eventuali modifiche. 

La battaglia sarà dunque sulle preferenze. La maggioranza degli interlocutori è riuscita a digerire il doppio turno, l'abolizione del Senato quale camera elettiva, il premio di maggioranza e lo sbarramento, ma non le liste bloccate. Le preferenze rischiano, dunque, di diventare seriamente la bandiera di chi tenterà, ad ogni costo ed in qualsiasi modo, di uscire vincitore dalla bagarre che accompagnerà l'iter parlamentare della Riforma Elettorale

RSS

Roma, aborto nei bagni del Pertini: medici obiettori di coscienza

Sabato, 15 Marzo 2014
Denuncia all'ospedal...

Meeting del Mare Marina di Camerota 2014

Mercoledì, 26 Marzo 2014
Ecco il programma de...

Juventus senza stelle sulla maglia

Mercoledì, 11 Luglio 2012
Clamorosa sorpresa a...

Album in uscita nel 2014: U2, Vasco Rossi e Coldplay tra i più attesi

Martedì, 21 Gennaio 2014
Sarà un 2014 entusi...

Baby squillo: indagato anche Floriani, il marito della Mussolini

Giovedì, 13 Marzo 2014
Rischia fino a 4 ann...