Data Domenica, 19 Gennaio 2020
Ore 08:25

Due operai italiani sono stati rapiti in Libia

Scritto

Il sequestro ancora non è stato rivendicato. Ore di apprensione nel catanzarese dove risiedono i due.

In Libia due operai italiani, scomparsi, sono stati rapiti. A confermare la notizia l’agenzia libica Lana che precisa meglio come sono andati i fatti: “Sono stati rapiti da un gruppo armato che li ha costretti a scendere dal loro furgone e a salire su un altro veicolo nei pressi del villaggio Martuba, tra le città di Derna e Tobruk”. A raccontare l’accaduto è stato l’autista che accompagnava i due operai edili calabresi. Ma ancora il sequestro non è stato rivendicato.

I due operai sono Francesco Scalise, 63 anni, e Luciano Gallo, 52 anni: i due originari di due comuni del catanzarese, hanno lasciato la Calabria per recarsi in Libia dove lavorano alla costruzione di strade con la società romana General World. IL primo a denunciare la scomparsa dei due è stato il fratello di Francesco, Luciano, che lavora anche lui in Libia.

La figlia di Scalise ha rilasciato solo una breve dichiarazione: “Non possiamo dire assolutamente nulla”. Mentre il sindaco di Pianopoli, comune dove risiede lo sfortunato operaio, Gianluca Cuda ha sottolineato: “Ho incontrato la moglie ed i figli di Francesco. In queste ore c'è molta ansia e mi è stato riferito che è prematuro avanzare qualsiasi ipotesi”.

RSS

"Avanti Un Altro", Gerry Scotti sostituisce Paolo Bonolis

Martedì, 25 Marzo 2014
"Avanti un altro" è...

Legge Elettorale: il cammino dell'Italicum inizia in salita

Giovedì, 23 Gennaio 2014
La legge elettorale ...

Che Fine Ha Fatto Fabio Grosso?

Lunedì, 20 Gennaio 2014
Domanda lecita sul p...

Cristiano Ronaldo in piscina con le unghie smaltate

Giovedì, 5 Luglio 2012
Cristiano Ronaldo no...

Emergenza Viabilità nel Cilento: Economia Turistica a Rischio

Lunedì, 27 Gennaio 2014
A rischio disdetta o...