Data Venerdì, 23 Agosto 2019
Ore 18:44

Due operai italiani sono stati rapiti in Libia

Scritto

Il sequestro ancora non è stato rivendicato. Ore di apprensione nel catanzarese dove risiedono i due.

In Libia due operai italiani, scomparsi, sono stati rapiti. A confermare la notizia l’agenzia libica Lana che precisa meglio come sono andati i fatti: “Sono stati rapiti da un gruppo armato che li ha costretti a scendere dal loro furgone e a salire su un altro veicolo nei pressi del villaggio Martuba, tra le città di Derna e Tobruk”. A raccontare l’accaduto è stato l’autista che accompagnava i due operai edili calabresi. Ma ancora il sequestro non è stato rivendicato.

I due operai sono Francesco Scalise, 63 anni, e Luciano Gallo, 52 anni: i due originari di due comuni del catanzarese, hanno lasciato la Calabria per recarsi in Libia dove lavorano alla costruzione di strade con la società romana General World. IL primo a denunciare la scomparsa dei due è stato il fratello di Francesco, Luciano, che lavora anche lui in Libia.

La figlia di Scalise ha rilasciato solo una breve dichiarazione: “Non possiamo dire assolutamente nulla”. Mentre il sindaco di Pianopoli, comune dove risiede lo sfortunato operaio, Gianluca Cuda ha sottolineato: “Ho incontrato la moglie ed i figli di Francesco. In queste ore c'è molta ansia e mi è stato riferito che è prematuro avanzare qualsiasi ipotesi”.

RSS

Elezioni Sardegna: vince il renziano Pigliaru

Lunedì, 17 Febbraio 2014
Il centrosinistra si...

Album in uscita nel 2014: U2, Vasco Rossi e Coldplay tra i più attesi

Martedì, 21 Gennaio 2014
Sarà un 2014 entusi...

Legge Elettorale: il cammino dell'Italicum inizia in salita

Giovedì, 23 Gennaio 2014
La legge elettorale ...

La Grande Bellezza: Sabrina Ferilli polemizza

Giovedì, 6 Marzo 2014
Sabrina Ferilli pole...

Nocerina esclusa dal campionato di Lega Pro per il derby farsa

Mercoledì, 29 Gennaio 2014
La sentenza di Artic...